lunedì 7 novembre 2016

Nuove barzellette: Zizek profetizza una "nuova dinamica" e una "massiccia radicalizzazione" con la vittoria di Trump...

Risultati immagini per zizek
Poteva limitarsi a dire che non è compito della sinistra scegliere tra la padella e la brace e avrebbe fatto il suo. Quello che ha detto dopo è invece conseguenza di una visione dei processi politici assai fichtiana, volontaristica, zizekcentrica e lontanissima dal materialismo storico [SGA].


La provocazione di Zizek su Trump “Meglio votare lui così la sinistra si sveglia” 
Il filosofo sceglie il candidato anti-establishment “Scuoterà i veri progressisti”

SLAVOJ ZIZEK Rep 7 11 2016
BASTA la “paura” di far vincere Donald Trump per votare Hillary Clinton? Il dibattito ha coinvolto negli Stati Uniti attivisti, politologi e star dello spettacolo che si erano schierati per Bernie Sanders nelle primarie democratiche. La candidata “dell’establishmente e delle banche” non piace a molti sostenitori della sinistra radicale che non hanno accettato il passo indietro in nome dell’unità del partito e del “meno peggio”. In questo articolo il filosofo sloveno, teorico della sinistra, Slavoj Zizek interviene in modo provocatorio in questo dibattito. In un mondo ideale, dice Zizek, la sola vera scelta possibile tra un candidato che ci porterà a “un’altra guerra mondiale” (Clinton) e uno che si fa “beffa delle regole del vivere civile” sarebbe non votare. Ma almeno, aggiunge, una vittoria di Trump avrebbe il merito di scuotere la sinistra dall’inerzia che l’ha colpita in questi anni. Zizek aveva esposto queste tesi in un intervento per la tv britannica [/CAPL2-NE] Channel 4: il video con il suo inatteso endorsement per Trump, diventato virale sui social, è stato riprodotto tre milioni di volte, suscitando polemiche all’interno della sinistra. Negli Usa che domani eleggono il loro presidente, come nel resto del mondo
SARAMAGO in “Saggio sulla lucidità” narra le vicende accadute in un non meglio identificato paese democratico. La mattina delle elezioni è guastata da piogge torrenziali e l’affluenza alle urne è preoccupantemente bassa, ma a metà pomeriggio il tempo si rimette e la popolazione accorre in massa ai seggi. Il sollievo del governo ha però breve durata, in quanto lo scrutinio rivela che più del 70% delle schede sono bianche. Sconcertato da questa apparente mancanza di senso civico il governo concede ai cittadini l’opportunità di rimediare con un’altra elezione a solo una settimana di distanza. L’esito è ancor peggiore: questa volta l’83% delle schede sono bianche. Si tratta di un complotto per rovesciare non solo il governo in carica, ma l’intero sistema democratico?
La morale di questo esperimento concettuale è chiara: il pericolo oggi non è la passività, bensì la pseudo-attività, il bisogno di “agire”, di “partecipare” per nascondere la vacuità di ciò che accade. La gente interviene di continuo, “fa qualcosa”. La vera difficoltà è fare un passo indietro. L’astensione alle urne è quindi un vero e proprio atto politico, che ci obbliga a confrontarci con la vacuità delle democrazie odierne.
In un mondo ideale è esattamente così che dovrebbero comportarsi i cittadini di fronte alla scelta tra Clinton e Trump. Trump è ovviamente “peggio” perché promette una svolta a destra e porta la moralità pubblica allo sfacelo; quanto meno però promette un cambiamento, mentre Hillary è “peggio” perché spaccia per desiderabile l’assenza di cambiamento. Trump vuole rifare grande l’America e Obama gli ha risposto che l’America è già grande — ma è vero? Un paese in cui uno come Trump ha l’opportunità di diventare presidente può davvero essere considerato grande? I pericoli di una presidenza Trump sono ovvi: non solo Trump promette di nominare giudici conservatori alla Corte Suprema, non solo mobilita i più cupi circoli dei suprematisti bianchi e flirta con il razzismo anti-immigrati; non solo si fa beffa delle regole del vivere civile e simboleggia la disintegrazione delle norme etiche fondamentali; Trump si pone come difensore della gente comune in difficoltà, mentre in realtà è fautore di un brutale programma neoliberista con sgravi fiscali per i ricchi, ulteriore deregulation e così via. Ebbene sì, Trump è un volgare opportunista, ma è pur sempre un volgare esemplare di umanità.
Fredric Jameson invitava a ragione a non definire frettolosamente il movimento di Trump un nuovo fascismo. Innanzitutto il timore che la vittoria di Trump trasformi gli Usa in uno stato fascista è un’esagerazione ridicola. Da dove nasce quindi questa paura? È chiaro che ha la funzione di unirci tutti contro Trump, offuscando così le reali divisioni politiche esistenti tra la sinistra resuscitata da Sanders e Hillary, che è LA candidata dell’establishment, sostenuta da una variegata coalizione, che va dai veterani della guerra fredda di Bush come Paul Wolfowitz all’Arabia Saudita. In secondo luogo resta il fatto che Trump è sostenuto dalla stessa indignazione che ha mobilitato i supporter di Bernie Sanders, è visto dalla maggioranza dei suoi sostenitori come il candidato anti-establishment. I progressisti che paventano la vittoria di Trump non temono in realtà una svolta radicale a destra. A spaventarli è semplicemente un reale, radicale cambiamento sociale. I liberal ammettono le ingiustizie della nostra vita sociale (e ne sono sinceramente preoccupati), ma vogliono porvi rimedio con una “rivoluzione senza rivoluzione” come diceva Robespierre (in perfetto parallelo con il consumismo odierno, che offre caffè decaffeinato, cioccolato senza zucchero, birra analcolica, multiculturalismo senza scontri violenti e così via): la visione del cambiamento sociale senza vero cambiamento, in cui nessuno si fa male sul serio, in cui i progressisti dotati delle migliori intenzioni restano tranquilli nel bozzolo delle loro enclave sicure.
La vittoria di Hillary è la vittoria dello status quo, dominato dalla prospettiva di un’altra guerra mondiale (e Hillary è proprio la tipica democratica combattente della guerra fredda), lo status quo di una situazione in cui gradualmente, ma inevitabilmente, scivoliamo verso la catastrofe ecologica, economica, umanitaria e di altro genere. La vittoria di Trump contiene in sè un grave rischio, non c’è dubbio, ma la sinistra sarà mobilitata solo dalla minaccia di una catastrofe. Né Clinton né Trump stanno «dalla parte degli oppressi», per cui la vera scelta è astenersi dal voto o scegliere tra i due quello che, pur non valendo nulla, apre le maggiori possibilità che si inneschi una nuova dinamica politica che possa condurre alla massiccia radicalizzazione della sinistra.
( Traduzione di Emilia Benghi) ©RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti:

Emilia de Rienzo ha detto...

Non sono d'accordo. Mi sembra un ragionamento fatto a tavolino. Tutto vero quello che riguarda la Clinton, ma sembra che l'altro sia un fantoccio che non farà niente. Qualcosa sta facendo nella vita quotidiana della gente: mette i bianchi contro i neri, etc etc. e non è poco. I ragazzi cresceranno con lui e i suoi discorsi come i nostri sono cresciuti con Berlusconi e il berlusconismo ha vinto in Renzi e in tutti gli altri. No la sinistra non si sveglierà se non ci svegliamo noi cittadini dal basso, se non cominciamo a lottare e a non aspettare le elezioni per fare qualcosa. Poi alle lezioni vinca pure il meno peggio. Ma siamo noi a non saper continuare il discorso di Saunders che si è sostenuto in America...

Emilia de Rienzo ha detto...

Volevo però aggiungere che ti leggo e ti stimo molto...

materialismostorico ha detto...

L'articolo espone le posizioni di Zizek, che io non condivido e ritengo persino politicamente idiote.

Emilia de Rienzo ha detto...

Allora sono contenta di non essere la sola, perchè sento in questo periodo discorsi davvero allucinanti. Grazie