martedì 29 maggio 2018

Nè con gli euromani, né con gli eurofobi: per l'autonomia culturale e politica dei marxisti e dei comunisti. La guerra di classe tra le élites capitalistiche sta portando il paese alla rovina

A mente più fredda, è stato un golpe, un golpetto o la rappresentazione di un golpe?


 In realtà, il furbo Salvini ha messo nel sacco il povero Mattarella. Il quale, nonostante il pedigree democristiano, è andato in confusione euromane e ha fatto il gioco dell'avversario (fornendo l'occasione per la canea eurofoba, ma non certo impedendo la nascita del governo grillo-leghista né orchestrando un golpe, ragion per cui le richieste di impeachment sono solo propaganda).


Ma soprattutto Salvini ha fottuto l'ingenuo Di Maio, autentica pippa politica.


Bastava che quest'ultimo dicesse che a lui Giorgetti andava di lusso, e Salvini sarebbe finito nell'angolo. I residui di moralismo presenti nel suo movimento gliel'hanno invece impedito, paralizzandolo.

Non esiste in politica che stai per fare il governo, hai portato a casa la sostanza e ti impunti su un nome. O sei fesso come Giggino, o sei scaltro come l'erede di Bossi.

A scacchi - un gioco più serio dei giochini complottisti - vince chi ha le idee chiare e sa cosa fare sin dall'inizio.

In realtà il vero errore di Mattarella è stato un altro.
Dopo aver votato il pareggio di bilancio in costituzione (che ovviamente è sbagliato), Salvini si indigna per le perplessità del presidente della repubblica di fronte a un programma che prevede millemila miliardi di spese e due caramelle di entrate.
Il vero errore di Mattarella è che avrebbe dovuto semplicemente dire che quel pareggio di bilancio che proprio la Lega ha voluto gli impediva di avallare un programma senza entrate certe, mettendolo in contraddizione con se stesso e con Di Maio e evitando di richiamarsi autolesionisticamente ai mercati e all'Europa.
Deludente per un democristiano cedere così all'ideologia.

Adesso, nell'impazzimento sovranista del paese, Salvini ha mani libere. Può allearsi con i 5Stelle e egemonizzarli oppure - più probabile, se Berlusconi ha ancora le sue carte in mano - ripresentare il centrodestra unito e fare bingo.

E' chiaro dunque che nell'ambito di una guerra di classe tutta interna alle élites, la cordata fino a ieri dominante sta consegnando il paese a Salvini e Di Maio per i prossimi 20 anni, mentre anche un bambino capisce che prima cominciano a governare, prima finiscono. Adesso, invece, avranno buon gioco nel mobilitare le folle al seguito della cordata concorrente, con tanto di belle parole sul principio democratico e con la possibilità concreta di saldare un nuovo blocco storico.

Inviterei però i compagni deboli di cultura politica, improvvidamente affascinati dal guevarismo di Giggino e Salvini, a tener presente che la democrazia moderna è già finita da tempo in Italia, non certo oggi.

E se le motivazioni indicate da Mattarella per il suo comportamento sono state certamente condizionate dall'avvento di una forma di governo nuova, fondata sulla governance neoliberale, esattamente sullo stesso pericolosissimo terreno eversivo si muovono Lega e 5Stelle. Che non eleverei a campioni della Costituzione, perché portatori di un progetto postmoderno non meno pericoloso ed eversivo, nel quale la volontà popolare diventa plebiscito immediato e muore (e in un caso e nell'altro lascerei perdere il fascismo, che non c'entra niente).

Mai come oggi, perciò, dovremmo essere rigorosamente autonomi e non cedere alle sirene liberali come a quelle rozzobrune, all'euromania come all'eurofobia. Altrimenti questo passaggio segnerà la nostra fine come area politica, come già si profila negli appelli deliranti a costruire un grottesco "Nuovo CLN Sovranista" alla coda di Lega e 5 Stelle.

Mai come oggi dovremmo reimparare a dire che la borghesia grande e piccola porterà il paese al disastro e che solo il movimento dei lavoratori e il governo dei lavoratori possono salvarlo.

Purtroppo questo movimento non c'è più. E sempre più ci rendiamo conto di quanto ci manchi.


***
Come l'euromania ci ha consegnati mani e piedi al PD, allo stesso modo l'eurorofobia ci sta già consegnando mani e piedi alla Lega.
Come previsto, i gigginisti leninisti hanno già lanciato l'appello per un "Nuovo CLN Sovranista" alla coda di Lega e 5Stelle.
È evidente che se pensate che l'Europa è il nazismo che sta colonizzando l'Italia in nome del Quarto Reich tedesco, non c'è altra conclusione politica possibile.
Ma è l'analisi, appunto, che è sbagliata e che, rimuovendo la durissima lotta di classe in corso in seno alle élites, vi porterà all'inferno. Questa non è la contraddizione principale, per cui, come in Siria, saremmo obbligati a stare di qua o di là. L'analogia con i movimenti di liberazione nazionale non regge ed è un imbroglio strumentale.

Siamo finiti. Si salvi chi può e chi può mantenga l'autonomia che i marxisti dovrebbero saper conservare.


***

"Imperialismo tedesco e europeo"?
Se negli anni Novanta qualcuno avesse provato a ostacolare la ferrea volontà popolare degli italiani di partecipare al processo di convergenza europea, il popolo avrebbe giustamente gridato al golpe.
L'unica forza che lo metteva in discussione e che votò contro Maastricht, Rifondazione Comunista, non fu affatto premiata da quella scelta (che era giusta perché non contestava l'Unione ma le sue regole scritte a vantaggio dei padroni, quelli italiani prima di tutti).

***

Il problema, in ogni caso, non è la convergenza europea come tale, che come tale sarebbe metafisicamente antipopolare, ma il fatto che questa convergenza sia avvenuta nel contesto di rapporti di forza tra le classi squilibrati.
Le grandi unioni nascono di solito dopo grandi rivoluzioni. L'UE nasce dopo una controrivoluzione alla fine della guerra fredda.
È normale che l'architettura e le regole dell'Unione, scritte negli anni della restaurazione borghese e alla fine della democrazia moderna, riflettano questi rapporti. E dunque spingano alla compressione del costo del lavoro e alle privatizzazioni.
Se per mera ipotesi scolastica il processo fosse avvenuto qualche decennio prima, dentro rapporti più favorevoli, e se quei rapporti fossero rimasti tali, adesso avremmo la socialdemocrazia continentale.
Tuttavia anche allo stato attuale le regole europee non impediscono di togliere ai ricchi i soldi necessari per stare nei parametri, invece che ai poveri. Le regole europee non impediscono la patrimoniale o la lotta all'evasione fiscale. Queste sono scelte politiche.
E da cosa dipendono queste scelte politiche?
Ancora una volta, ciò che conta sono i rapporti di forza tra le classi .

 [SGA]
.

Nessun commento: